Mutuo Tasso Misto

Il mutuo a tasso misto è una tipologia particolare che consente di cambiare il tipo di tasso d’interessi applicato al finanziamento una o più volte durante la vita del mutuo. Il tasso misto mette insieme le due tipologie tradizionali dei mutui e permette secondo le regole sottoscritte nel contratto di cambiare da una rata a tasso variabile ad una a tasso fisso, combinandole a seconda delle esigenze del cliente e dell’andamento del mercato.

Con questo metodo è possibile stipulare un mutuo ipotecario che sia indicizzato tramite i due parametri, fisso e variabile e funziona in modo molto chiaro: generalmente il primo periodo viene indicizzato con un variabile, cioè con riferimento Euribor, grazie alla sua convenienza dei primi anni per poi essere trasformato in un fisso, legato quindi all’Eurirs, per avere maggior tranquillità sulla lunga durata.

Il mutuo a tasso misto può essere l’alternativa su cui puntare, per coloro i quali vogliono puntarea sfruttare per il primo periodo il vantaggio economico dei tassi variabili, per poi trasformarlo in un tasso fisso per avere, per il resto della durata del prestito, una rata costante.

Si consiglia sempre di informarsi attentamente e leggere le caratteristiche scritte sul foglio informativo e sul contratto che andrete a stipulare prima di accendere questo mutuo a tasso fisso. Infatti, risulta essere diverso in base alla banca scelta.

Vantaggi del tasso misto

Sicuramente il grande vantaggio del tasso misto è riconducibile alla sua elevata flessibilità che garantisce sia la convenienza del variabile all’inizio, sia la tranquillità del fisso sul resto della durata. Infatti il mutuatario può modificare periodicamente, seguendo le scadenze prestabilite nel contratto, la modalità di riferimento degli interessi basandosi sulle oscillazioni dei tassi sul mercato. Molte volte è applicato dalle banche un tasso di ingresso particolarmente conveniente che lo rende ancora più interessante. Soprattutto il fatto di poter cambiare il tipo di tasso applicato in conseguenza all’andamento reale dei mercati, secondo le scadenze previste, e anche l’adattabilità e flessibilità che consente sui bisogni del mutuatario che possono cambiare nel lungo periodo di rimborso del finanziamento a renderlo un’opzione da tener presente.

Anche per coloro che sono indecisi su quale tipo di tasso scegliere possono prendere in considerazione le qualità  dei mutui a tasso misto.

Svantaggi del mutuo a tasso misto

Lo svantaggio più consistente del tasso misto è che viene applicato un tasso più elevato rispetto ai mutui a tasso variabile tradizionali e quindi aumentano i costi. In secondo luogo, nel caso di un ribasso del tasso di riferimento, solo la parte variabile del tasso applicato beneficia del calo degli interessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *